Ristrutturazione dell'ex Asilo Guicciardi da destinare ad Ostello
Piateda
L’intervento da realizzare riguarda la ristrutturazione dell'Ostello per la Gioventù, che può essere strettamente correlato alle attività
sportive e turistiche legate al fiume Adda che scorre nelle vicinanze, al Sentiero Valtellina, al trekking e alle escursioni sulla sponda
Orobica. L’intervento deve essere capace di rispettare le caratteristiche salienti dell’edificio e attualizzarne le parti ai sensi di un tipo di
architettura contemporanea non mimetica, ma attenta alle problematiche, oggi sempre più significative, di risparmio energetico.
Conservare, pur dovendo soddisfare le odierne esigenze di carattere tecnico e funzionale, determina una precisa identità dell’edificio in
oggetto, le cui caratteristiche principali saranno le seguenti: costruzione compatta, alto isolamento dei muri esterni, finestre
termoisolanti, assenza di ponti termici, sfruttamento dell’energia solare, impiantistica ottimizzata, accurata esecuzione dei lavori.
L’intervento vedrà il completo recupero dei volumi esistenti ed un ampliamento degli stessi di circa 1090,00 mc, per poter collocare tutti
gli spazi di servizio, i locali di intrattenimento e le camere da letto.
L’edificio manterrà la stessa tipologia di quello esistente, ma verrà alzato di un piano per poter ricavare un numero di camere idoneo. La zona seminterrata non subirà sostanziali modifiche se non quella dell’aggiunta del vano ascensore. In base a queste considerazioni, il profilo architettonico della struttura rimarrà di tipo tradizionale.
Al fine di mantenere le caratteristiche originarie del fabbricato, verrà riproposto lo stesso tipo di finitura consistente in una tinteggiatura di
colore chiaro tra il grigio e il beige. I serramenti e le persiane verranno realizzati in legno rispettando la tonalità della tinteggiatura
esistente. Per la parte esistente verrà realizzato un isolamento esterno del tipo “a cappotto”, mentre la parte di nuova costruzione sarà
realizzata in muratura e l’isolamento termico sarà compreso all’interno della stratigrafia. Il tetto verrà realizzato in legno
opportunamente isolato e sarà del tipo “a freddo”. Il manto di copertura sarà in piode recuperate dallo smantellamento della struttura
esistente. 

ARCHITETTURA COME RIFERIMENTO PER EVENTI SPORTIVI: DAL SENTIERO VALTELLINA AL FIUME ADDA PER LA CANOA, DALLE ESCURSIONI IN MONTAGNA ALLO SCI ALPINISMO.

ATTENZIONE AL CONTESTO AMBIENTALE E PAESISTICO.

RINNOVATO RAPPORTO TRA L'AREA E IL PAESE.

VALORIZZAZIONE DELLE CARATTERISTICHE ARCHITETTONICHE DELL'AMBITO DI INTERVENTO.

RICERCA DI UN EQUILIBRIO COMPLESSIVO, SIA VOLUMETRICO CHE COMPOSITIVO.

FACCIAMO L'ARCHITETTURA CHE CI PIACE, LEGATA ALLE NOSTRE RADICI E AL NOSTRO PAESE.

LOTTARE PER SOLUZIONI GIUSTE E INNOVATIVE.

FARE UN'ARCHITETTURA SEMPLICE E DIVERSA.

BISOGNA CAPIRE LO SPRECO E L'AUSTERITA'.

 

                                                                                          OSCAR NIEMEYER

TRASFORMAZIONE DEL TERRITORIO ATTRAVERSO MODALITA' COSTRUTTIVE CHE DIALOGHINO IN MODO CONSAPEVOLE CON LA TRADIZIONE ARCHITETTONICA.

IL PROGETTO E' STATO PENSATO NEL RISPETTO DELLA BIODIVERSITA' NEI SUOI VARI COMPONENTI: ECOLOGICO, SOCIALE, ECONOMICO, SCIENTIFICO, EDUCATIVO, CULTURALE, RICREATIVO ED ESTETICO.

Progetto non realizzato